“DIO TI BENEDICA”

Gli incontri del venerdì con i detenuti sono sempre motivo di sofferenza e di frustrazione. L’inerzia dell’amministrazione penitenziaria nel rispondere alle richieste legittime delle persone che vorrebbero avere notizie sulle loro istanze mi lascia sempre sorpreso e depresso.

Qualche volta, però, una luce si accende. E’ accaduto anche stamattina quando un detenuto, mussulmano, uscendo dal colloquio, mi ha lasciato un sommesso “Dio ti benedica”. Ho alzato la testa sorpreso e ho sussurrato anch’io un grazie commosso (sarà l’età, ma mi commuovo facilmente). Comunque si chiami il suo Dio, me lo sono sentito accanto, come una carezza.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s